Fotografia di: leoks/Shutterstock.com
Piazza Vecchia

Piazza Vecchia

Dire Piazza Vecchia significa dire Città Alta: è stata per secoli il fulcro del potere politico di Bergamo e ancora oggi continua ad essere il luogo dove ci si incontra e si vive il tempo libero. Sulla Piazza si affacciano maestosi e imponenti edifici disposti secondo una geometria armonica e perfetta, tanto da far dire a Le Corbusier che “non si può più toccare neppure una pietra, sarebbe un delitto”. Spiccano il Palazzo della Ragione, che risale alla fine del 1100 e rappresenta la più antica sede comunale lombarda esistente, e la Torre Civica, detta “il Campanone”. Al centro di Piazza Vecchia puoi ammirare la fontana Contarini, donata alla città nel 1780 dal Podestà Alvise Contarini Sul lato opposto della Piazza sorge il Palazzo Nuovo, sede del Comune fino al 1873 e oggi della Biblioteca Angelo Mai.
Maggiori informazioni
Le Mura Venete

Le Mura Venete

Bergamo non sarebbe la stessa senza le sue imponenti Mura veneziane: oltre sei km di tracciato, luogo di romantiche passeggiate, teatro di meravigliosi tramonti, custodiscono da più di quattro secoli le bellezze della Città Alta. L’inestimabile valore artistico e culturale delle Mura è testimoniato anche dalla loro candidatura a patrimonio dell’umanità Unesco, percorso intrapreso nel 2007 e ora giunto nelle fasi finali. Vennero costruite a partire del 1561 dalla Repubblica di Venezia per arginare gli attacchi nemici, ma la Storia fu benevola, forse colpita da tale possente bellezza, e volle che non subissero mai assedi. In tal modo si sono fortunatamente potute conservare pressoché intatte fino ai giorni nostri. Sono costituite da 14 baluardi, 2 piattaforme, 100 aperture per bocche da fuoco, 2 polveriere, 4 porte, a cui va aggiunto tutto l’intricato mondo sotterraneo di sortite, passaggi e cunicoli: non perdere l’occasione di camminare dentro le Mura e visitare le cannoniere di San Michele e San Giovanni!
Maggiori informazioni
Basilica di Santa Maria Maggiore e Cappella Colleoni

Basilica di Santa Maria Maggiore e Cappella Colleoni

Per patrimonio storico e artistico la basilica è il maggior monumento cittadino, tenuta in tanta considerazione da essere definita un tempo “Cappella della città”. Costruita nel 1137, conserva all'interno l'impianto romanico a tre navate divise da pilastri, ma è stato profondamente rimaneggiato nel XVII secolo, con marmi, stucchi, ornati e pitture. Lungo le pareti e ai pilastri sono appesi preziosi arazzi. A sinistra dell'ingresso si trova il sepolcro del cardinale Guglielmo Longhi, di Ugo da Campione. Proseguendo in senso orario, alla parete di fondo, si scorge il monumento a Gaetano Donizetti di Vincenzo Vela (1855) e, sopra l'arazzo della Crocifissione, il grandioso Passaggio del mar Rosso di Luca Giordano (1681). All'inizio della navata sinistra, si può ammirare il confessionale ligneo di Andrea Fantoni (1704). La Cappella Colleoni (così oggi viene chiamata la tomba del celebre condottiero Bartolomeo Colleoni , costruita tra il 1471 e il 1475) è un gioiello del Rinascimento Lombardo. La fastosità delle sculture dell’Amadeo e degli affreschi affidati a Giovan Battista Tiepolo, non deve far dimenticare la bellissima tomba della figlia Medea, a sinistra, che accompagna nel sonno della morte il celebre padre.
Maggiori informazioni
Cittadella

Cittadella

Da Piazza Vecchia, percorrendo via Colleoni, si arriva in piazza Mascheroni, sede nel XVI secolo del mercato pubblico. Il lato destro della piazza è chiuso dal Palazzo Roncalli. Sull'angolo si possono ammirare alcuni affreschi del '500 raffiguranti soggetti mitologici. Superata la piazza attraverso un portico ci si trova in piazza della Cittadella. Sulla destra, si erge la Torre di Adalberto, X-XIII secolo. Qui, nel palazzo visconteo (1355) meritano visita due interessantissimi musei civici: il Museo Archeologico e il Museo di Scienze Naturali Caffi (entrambi con ingresso libero e chiusi il lunedì).
Maggiori informazioni
Campanone e Palazzo del Podestà

Campanone e Palazzo del Podestà

Bastano trenta secondi per ammirare uno dei panorami più inconsueti di Bergamo. È infatti di mezzo minuto il tempo impiegato dal nuovo ascensore della Torre Civica, in Piazza Vecchia, nel cuore di Bergamo alta, per compiere l’intero percorso e far salire i visitatori a oltre trenta metri di altezza. Ancora oggi il Campanone suona 100 colpi alle ore 22 tutti i giorni, continuando un’antica tradizione mai interrotta. Si dice che segnalassero il coprifuoco, ma si afferma anche che in questo modo venisse annunciata la chiusura delle porte cittadine dando la possibilità di rientrare prima che i battenti fossero serrati completamente. Edificato con molta probabilità alla fine del XII secolo dalla potente famiglia Suardi, che lo mise a disposizione della città, il Palazzo del Podestà da allora divenne luogo di residenza del governatore di Venezia, chiamato a reggere con equità il comune. oggi ospita il museo dell'età veneta.
Maggiori informazioni
Galleria d´Arte Moderna e Contemporanea (GAMeC)

Galleria d´Arte Moderna e Contemporanea (GAMeC)

La GAMeC – Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo è uno dei centri di eccellenza dell'arte dell'Italia settentrionale. Inaugurata nel 1991, si è posta come obiettivo lo sviluppo di una politica di promozione dell'arte moderna e contemporanea che ha permesso la realizzazione di un vero e proprio polo dell’arte, composto dalla Pinacoteca dell’Accademia Carrara, dall'Accademia di Belle Arti e dalla Galleria.
Maggiori informazioni
Rocca

Rocca

La sezione ottocentesca del Museo storico di Bergamo, che ha ereditato il patrimonio storico e artistico del Civico Museo del Risorgimento e della Resistenza, è allestita nel fabbricato all'interno del mastio della Rocca, costruito durante il dominio veneto per alloggiare gli artiglieri. E' possibile acquistare un pass ei musei storici che comprende l’ingresso a: Palazzo del Podestà - Museo storico dell'età veneta • il '500 interattivo Rocca di Bergamo - Museo storico • sezione Ottocento Convento di San Francesco - Museo storico • sezione mostre Museo donizettiano-Campanone
Maggiori informazioni
Orto Botanico "Lorenzo Rota"

Orto Botanico "Lorenzo Rota"

Situato in Città Alta, in splendida posizione panoramica, ospita su una superficie di 2.400 mq più di 1.200 specie vegetali, buona parte delle quali collocate in micro-habitat che riproducono o evocano ambienti naturali. La collocazione, per esposizione, temperatura, insolazione, umidità, dimostra condizioni microclimatiche favorevoli alla crescita di specie di climi differenti. Più di metà della superficie espositiva è dedicata alle specie autoctone ed un’attenzione particolare è riservata alle specie che caratterizzano il territorio floristico lombardo. Chiuso da novembre a febbraio
Maggiori informazioni
Prealpi Orobiche

Prealpi Orobiche

Il Parco delle Orobie Bergamasche si estende su una superficie di 70.000 ettari con il compito di tutelare e conservare l’ambiente naturale, il paesaggio e la biodiversità. Ci sono oltre duecento vette – per l’esattezza sono 231 – che nella catena delle Alpi Orobiche superano i duemila metri, e tra queste un buon numero sono più alte dei tremila metri. lLungo l’intero arco di monti bergamaschi, dalla valle Brembana alla valle Seriana, alla valle di Scalve, sono in funzione numerose località sciistiche che assicurano a migliaia di sciatori moderni impianti di risalita, decine e decine di piste di discesa d’ogni tipo e in grado di soddisfare ogni esigenza, spettacolari percorsi per il fondo e lo scialpinismo e numerose attività per godere della montagna anche in estate.
Maggiori informazioni
Lago di Iseo e Lago di Endine

Lago di Iseo e Lago di Endine

Il lago di Iseo da sempre è meta di turisti che arrivano per ammirare i paesaggi, per visitare i suggestivi paesi sul lago, per praticare sport e attività all’aria aperta, per degustare i prodotti tipici della zona. Da Sarnico a Lovere, i due principali centri della sponda bergamasca, è un susseguirsi di luoghi unici - Predore, Tavernola e Riva di Solto – che si affacciano su Montisola, la più grande isola lacustre d’Europa. La costa è rocciosa e selvaggia ma affascinante: il tratto detto Bogn, compreso tra Riva di Solto e Castro, è magnifico e suggestivo nel suo genere: appare di una bellezza mozzafiato, con l’insenatura, le rocce a strapiombo e il lago cristallino, azzurro, che bagna la piccola spiaggia di sassi. In prossimità si trova la Valcalepio, zona di produzione del rinomato vino. Fra i laghi lombardi forse meno conosciuti, il Lago di Endine, nel cuore della Val Cavallina, con le montagne e il paesaggio riflessi sull’acqua, offre uno spettacolo davvero suggestivo. Per il turista non molto esigente è un luogo di svaghi sereno e distensivo. Vera e propria palestra all’aperto per gli sport d’acqua (vela, wind-surf, canoa e canottaggio), e rinomato luogo di pesca, d’inverno, con le sue acque ghiacciate, offre uno spettacolo veramente singolare a queste quote
Maggiori informazioni
Crespi d'Adda

Crespi d'Adda

Crespi d’Adda è l’unico esempio di archeologia industriale classificato, nel dicembre 1995, come patrimonio mondiale dell’Umanità dall’UNESCO come esempio eccezionale di villaggio operaio sia per il perfetto stato di conservazione sia per l'esemplarità dell'impostazione urbanistica. I Crespi, famiglia di tessitori, iniziarono la loro attività qui nel 1878 sapendo che in questa zona vi era molta manodopera disponibile e vedendo la possibilità di realizzare un canale industriale lungo l'Adda per sfruttarne l'energia idraulica.
Maggiori informazioni
Visualizza Cosa vedere sulla mappa